TMA Italia chapter italiano dell’associazione internazionale TMA ha organizzato lo scorso giovedi 25 novembre 2021, un cocktail presso l’Umanitaria per celebrare il ritorno alla normalità dopo quasi 2 anni di riposo forzato.

Turnaround Management Association – Associazione per la Ristrutturazione di Impresa, costituita nell’aprile 2008 con sede a Milano, ha lo scopo di mettere in contatto gli operatori e le istituzioni che, seppur con diversi background culturali e differenti esperienze professionali, sono caratterizzati dal comune operare nell’ambito della ristrutturazione e del rilancio di impresa.

TMA conta oggi più di 9.000 soci fra professionisti e società operanti nell’ambito delle ristrutturazioni aziendali, ed è presente oltre che negli Stati Uniti anche in Australia, Brasile, Cina (Hong Kong), Sud Africa, Repubblica Ceca, Spagna, Inghilterra, Irlanda, Francia, Germania, Finlandia, Svezia, Olanda, Giappone, Taiwan e da ultimo in Romania dove il chapter locale è in corso di formazione.

TMA Italia vuole divenire il luogo incontro, informazione e confronto di professionisti (avvocati, dottori commercialisti ed esperti contabili, aziendalisti, consulenti di direzione, interim manager), accademici, investitori e finanziatori al fine di:

Diffondere la cultura del turnaround, divulgando la valenza sociale e gli effetti benefici del risanamento delle imprese presso l’opinione pubblica, le associazioni di categoria (Confindustria, Assolombarda, etc.) e presso le istituzioni Nazionali e di Governo;
Promuovere alti standard etici e di pratica nel campo della ristrutturazione aziendale al fine di migliorare le metodologie di lavoro e la formazione professionale;
Creare occasioni di incontro e sinergie professionali fra gli associati;
Sviluppare gli scambi ed i contenuti con gli altri chapter Europei ed Internazionali di TMA, peculiarità che distingue la nostra associazione da quelle operanti solo ed esclusivamente su scala nazionale.

L’ultimo aim di TMA ci spiega Giliola di Chiara, membro del CDA di TMA é quello di creare un libro bianco per la raccolta di best practice  per il rilancio dell’Associazione dopo la pandemia. Questo il primo incontro sperando che sia la fine di un  incubo e l’inizio di una rinascita per tutti.

a cura della redazione

Written by giovanni47

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *