Giornata densa di appuntamenti, domani (giovedì 23 settembre) a Villacidro, alla settimana culturale del trentaseiesimo Premio letterario “Giuseppe Dessì”, in pieno svolgimento nel centro del Medio Campidano fino a domenica.

Si comincia alle 10 al Mulino Cadoni, dove i TikToker Raissa, alias Raissa Russi (classe 1996, nata a Moncalieri e cresciuta a Torino), e Momo, ovvero Mohamed Ismail Bayed (classe 1993, nato a Casablanca e cresciuto a Torino), incontrano gli studenti di Villacidro. Dalla primavera del 2020 i due condividono sul web la loro quotidianità di coppia mista, disinnescando con garbo intelligente e tanta ironia i pregiudizi e l’ostilità che incontrano. Dai TiKTok alla narrazione scritta: a Villacidro, Raissa e Momo presentano il loro libro “Di mondi diversi e anime affini” (DeaPlaneta).

Alle 10.30, nell’Aula Magna del Liceo, per gli studenti dell’istituto scolastico, spazio all’esperto di promozione e formazione nel settore dell’impresa Alessandro Cacciato, già ospite del Dessì il giorno prima con il saggio “La Sindrome del Gattopardo” (“La cultura dell’innovazione nell’era post lockdown”).

Nel tardo pomeriggio, al Mulino Cadoni, due ospiti d’eccezione del Premio Dessì. Alle 18, reduce dal “Rigoletto: la notte della maledizione”, lo spettacolo-concerto che l’ha visto protagonista a Villacidro la sera prima, Marco Baliani si racconta al pubblico, intervistato dall’attore Giacomo Casti.

A seguire, alle 19, il presidente della Fondazione Dessì, Paolo Lusci, intervista Gherardo Colombo sulla scorta dell’ultimo saggio dell’ex magistrato, “Anche per giocare servono le regole”, prima uscita della nuova collana di Chiarelettere Ri-creazioni. A cominciare dalla sua lunga esperienza come uomo di legge e dopo anni dedicati a incontrare migliaia di studenti in tutta Italia, in queste pagine Colombo racconta la grande avventura della Costituzione: il contesto storico in cui è nata, le resistenze e le abitudini alla sopraffazione e alla diseguaglianza che ha dovuto abbattere, il principio che la anima (la dignità di ogni persona), segnando una svolta storica epocale; e, ancora, come funziona e perché è stata scritta, chi sono gli uomini e le donne che sono riusciti nell’impresa dopo un lungo lavoro di mediazione, affinché gli scempi della storia non si ripetessero più.

Chiusura di serata alle 21.30 a Casa Dessì con Fabrizio Bosso alla tromba e Luciano Biondini alla fisarmonica nel concerto Face to face, faccia a faccia tra richiami all’estetica del jazz, libera improvvisazione e influenze mediterranee. Il poliedrico trombettista piemontese incontra il tocco maturo e misurato del fisarmonicista di Spoleto in un dialogo fatto di reciproco ascolto e profonda empatia. La forza e il pathos dei rispettivi temperamenti musicali qualificano un progetto di grande fattura; un dialogo tra pari, in cui non emerge una leadership, ma un interplay sempre funzionale all’espressione compiuta del discorso musicale.

Anticipazioni sul programma di venerdì 24

La mattinata di venerdì 24 propone due nuovi appuntamenti per le scuole: alle 10 al Mulino Cadoni, Francesco Muzzopappa presenta per gli studenti delle scuole medie “L’inferno spiegato male” (DeaPlaneta), il suo libro con disegni di Davide Berardi, in arte Daw: un modo divertente per conoscere la prima cantica della Divina Commedia lontano dalla noia. Quasi alla stessa ora, alle 10.30, Gherardo Colombo incontra invece gli studenti del liceo nell’Aula Magna del loro istituto.

Tre autrici con i loro romanzi d’esordio sono le protagoniste dell’appuntamento delle 18 al Mulino Cadoni, moderato dalla giornalista Manuela Arca: Valeria Usala presenta “La rinnegata” (Garzanti); “Neroinchiostro” è invece il romanzo di Sara Vallefuoco (Mondadori); violinista e protagonista della serie tv di successo La Compagnia del Cigno, Hildegard De Stefano si racconta in prima persona nel suo “Diario Musicale” (La Nave di Teseo). La giornata si chiuderà infine così come si sarà aperta, nel segno di Dante: a Casa Dessì, con inizio alle 21.30, Michele Mirabella racconta Dante nello spettacolo “Ma misi me per l’alto mare aperto…”, un coinvolgente percorso sul “Sommo Poeta”, accompagnato dal Duo Mercadante, ovvero Rocco Debernardis al clarinetto e Leo Binetti al pianoforte.

Tutti gli appuntamenti si svolgono nel rispetto delle prescrizioni anti Covid-19 e sono a numero chiuso con prenotazione e Green Pass. Per le prenotazioni giornaliere sono attivi l’indirizzo mail eventi@fondazionedessi.it e il numero telefonico 070 931 43 87 (dalle ore 9 alle 13). Si consiglia di presentarsi almeno 15 minuti prima dell’inizio degli eventi.

La trentaseiesima edizione del Premio Dessì è organizzata dalla Fondazione Giuseppe Dessì e il Comune di Villacidro con il patrocinio del Consiglio Regionale della Sardegna, dell’Assessorato Regionale della Pubblica Istruzione, della Fondazione di Sardegna, del Ministero della Cultura e del GAL Linas Campidano.

a cura della redazione

Written by giovanni47

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *