Con il Taleggio D.O.P. la tavola è una favola. Le favole hanno la straordinaria capacità di non stancarci mai e di saper conquistare sempre nuove generazioni.

Proprio come il Taleggio DOP che con il suo sapore inconfondibile diventa protagonista delle storie più amate di sempre, regalando loro un gusto tutto nuovo, che saprà far felici e contenti tutti i personaggi.

La ricetta da favola oggi propone:

 

BIANCANEVE – Risotto al taleggio DOP, mele, speck e noci realizzata da Angelica Massera.

INGREDIENTI:

• 200 g riso Carnaroli (o altro tipo per risotti )

• 2 cucchiai olio extravergine d’oliva

• 1 cucchiaino burro

• 1 scalogno

• q.b.brodo vegetale

• 70 g speck (circa)

• 30 g gherigli di noci (circa)

• 60 g taleggio DOP

• q.b. parmigiano Reggiano DOP(grattugiato)

• 1 mela

 

PROCEDIMENTO:

Per il Risotto al taleggio DOP, mele, speck e noci preparare un brodo vegetale o semplicemente un brodo di dado granulare o classico.

In un tegame scaldare leggermente l’olio extravergine d’oliva con il burro e fare appassire lo scalogno tritato finemente.

Unire il riso e farlo tostare a fiamma vivace per un paio di minuti.

Versare un mestolo di brodo caldo e mescolate.

Aggiungere un pizzico di pepe e di sale e cuocere il risotto sempre a fuoco vivace, aggiungendo di tanto in tanto del brodo caldo e mescolando.

Nel frattempo tagliare a dadini lo speck e le mele.

In un altro tegame ben caldo versate un filo d’olio, aggiungere sia lo speck che le mele, saltarli a fiamma alta e rosolarli.

Quando mancano 4-5 minuti alla fine cottura del riso (che di solito è di 15-18 minuti) unire lo speck e le mele tagliati a dadini.

Completare la cottura del risotto, e solo a fuoco spento unire i gherigli di noci spezzettate, il taleggio tagliato a pezzetti e il parmigiano grattugiato.

Mescolare bene per far sciogliere il taleggio e mantecare il Risotto al taleggio DOP, mele, speck e noci rendendolo così ancora più cremoso.

a cura della redazione

Written by giovanni47

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.