Impegnato a conquistare Italia e Germania con il progetto “La qualità europea nella sua forma migliore”, messo a punto dal Consorzio di tutela presieduto da Gianni Maoddi e cofinanziato dall’Unione Europea, il Pecorino Romano DOP si veste a festa e arriva nelle tavole italiane per Natale. Unico, inimitabile, antichissimo, ma anche moderno e versatile, un ingrediente che non può assolutamente mancare per celebrare assieme il periodo più bello dell’anno e sorprendere i vostri ospiti.

 

Questo incredibile prodotto è un’ottima base di partenza per provare nuovi abbinamenti, quale momento migliore per sperimentare in cucina se non le feste? Ecco qualche spunto per un menù di Natale innovativo e gustoso, vi proponiamo tre ricette diverse a base di Pecorino Romano DOP: antipasto, primo e secondo. Queste preparazioni sono state ideate dai sapienti chef di APCI (Associazione professionale chef italiani), che nel contesto del partenariato annuale con la campagna europea hanno ideato un ricettario completo – scaricabile dal QR code di seguito – interpretando e valorizzando il prodotto. Le ricette, da quelle tradizionali alle più sfiziose e sperimentali, permetteranno alla vostra fantasia di sbizzarrirsi e al vostro palato di godere delle mille sfaccettature di sapore che questo straordinario formaggio è capace di regalare.

 

 

Il presidente del Consorzio di tutela – “Con questo progetto faremo conoscere e apprezzare sempre di più il Pecorino Romano in tutte le sue caratteristiche, sia come irrinunciabile ingrediente dei piatti più famosi della tradizione italiana, sia come formaggio da gustare in tutta la sua inimitabile bontà”, dice il presidente del Consorzio di tutela del Pecorino Romano DOP, Gianni Maoddi. “Il Pecorino Romano racconta di pascoli sconfinati e di aria pura, di ambienti incontaminati e della lavorazione frutto di mani sapienti e di segreti tramandati di generazione in generazione. Sapore e qualità, dunque: per garantirli, la formula vincente è il rispetto della tradizione con lo sguardo sempre rivolto all’innovazione, per soddisfare le esigenze e i gusti di tutti i consumatori”.

 

 

Il Menù di Natale, ricette e foto

 

Flan di Pecorino Romano DOP con crema di fave cruda e polvere di pane e guanciale

 

Ingredienti per 4 persone:

Per il flan: 100 g Pecorino Romano DOP; 100 g Albume (circa 3 bianchi uova); 200 g Panna liquida. Per la crema di fave: 100 g di Fave; 30 g Acqua; 20 g Cipolla bianca; 2 g Sale; 10 ml Olio. Per la polvere di pane: 1 fetta di Pane in cassetta; 30 g Guanciale.

 

Procedimento:

Mettere nel mixer tutti gli ingredienti e frullare. Suddividere il composto in 4 stampi monodose di silicone e cuocere in forno a bagnomaria a 135° per 25 minuti. In un piccolo tegame, mettere la cipolla, l’acqua e le fave, portare ad ebollizione, aggiungere sale e far cuocere per circa 10 minuti. A cottura ultimata, aggiungere l’olio e frullare. Passare la purea di fave al setaccio per ottenere una crema liscia e priva di grumi. Mettere il pane in cassetta in forno con il guanciale per renderli croccanti. Una volta freddi, frulliamo entrambi. Finitura e presentazione: Prendere un piatto fondo da 28/30 di diametro. Versare la crema di Fave al centro del piatto, adagiare il flan di Pecorino Romano DOP delicatamente e spolverare con la polvere di pane al guanciale.

 

Ricetta ideata dallo chef Stefano Marconi

 

Spaghetto con uovo in camicia, Pecorino Romano DOP e salsiccia

 

Ingredienti per 4 persone:

400 g Spaghetti alla chitarra; 140 g Salsiccia di suino fresca; 200 g di Pecorino Romano DOP; 100 ml Panna; 100 ml Latte intero; 4 Uova intere; 2 g Sale; 2 g Pepe colorato sminuzzato.

 

Procedimento:

Mettere a bagnomaria la panna con il Pecorino Romano DOP grattugiato fino ad ottenere una crema vellutata. Versare il latte e spezzettare la salsiccia in un tegame a fiamma moderata, cuocere gli spaghetti al dente in abbondante acqua bollente salata. Nella stessa acqua, cuocere le uova in camicia. Colare gli spaghetti, condire con una parte di crema di Pecorino Romano DOP e la salsiccia sminuzzata. Finitura e presentazione: versare sul fondo del piatto la

restante crema di Pecorino Romano DOP, adagiare il nido di spaghetti mantecati e finire con l’uovo in camicia e una spolverata di pepe colorato.

 

Ricetta ideata dallo chef Chef Filippo Ciavarini

 

 

Petto d’anatra cotto a bassa temperatura su crema di Pecorino Romano DOP al sentore di caffè

 

Ingredienti per 4 persone:

Anatra – n. 2 Petti d’anatra femmina; 200 g Burro; 350 g Pecorino Romano DOP; 200 g Panna da cucina; 4 g di Caffè in polvere tostato; 10 g Sale; 10 g Pepe bianco. Per guarnire: Crescioni di bieta q.b.

 

Procedimento:

Dividere i petti d’anatra in 4 porzioni. Inserirli nel sacchetto sottovuoto da cottura, aggiungere la metà del burro, salare, pepare e chiudere il sacchetto da cottura. Mettere i sacchetti nel roner a 57 gradi per almeno 4 ore. Preparare la fonduta di Pecorino Romano DOP portando ad ebollizione la panna, una volta arrivata a bollore togliere dal fuoco ed aggiungere il Pecorino Romano DOP grattugiato. A cottura del petto d’anatra, togliere dal sacchetto e adagiare dalla parte della pelle in una padella antiaderente con il burro, fino a rendere la pelle croccante e aggiungere la polvere di caffè. Finitura e presentazione: in un piatto scuro versare un paio di cucchiai di salsa di Pecorino Romano DOP, adagiare il petto di anatra scaloppato precedentemente e decorare con scaglie di Pecorino Romano DOP fresco e crescioni di bieta crudi.

 

Ricetta ideata dallo Chef Francesco Scordo

 

 

Per finire questo pranzo delizioso e chiudere in dolcezza, vi consigliamo di assaporare un pezzetto di Pecorino Romano DOP in purezza o accompagnato da confetture del vostro gusto preferito. Buon Natale!

 

 

Gli obiettivi della campagna “La qualità europea nella sua forma migliore”- Rafforzare la riconoscibilità e la notorietà dei prodotti agroalimentari europei di qualità a marchio DOP, aumentare la consapevolezza verso le DOP europee del formaggio e potenziare la conoscenza e la competitività di un’eccellenza europea: il Pecorino Romano DOP. Il progetto presentato dal Consorzio ha conquistato il podio in Europa con il terzo posto fra i migliori progetti presentati da 27 Paesi: un risultato importante, che premia il percorso di innovazione e internazionalizzazione già da tempo messo in atto. “La qualità europea nella sua forma migliore” è il messaggio che accompagnerà la campagna nel corso dei tre anni in Italia e Germania, proprio per ribadire l’importanza dei marchi europei che garantiscono al consumatore prodotti d’eccellenza e di alta qualità.

a cura della redazione

 

Written by giovanni47

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *