A metà tra speak easy e gentlemen club, The Lodge è al piano inferiore del palazzo che ospita anche il ristorante 1 stella Michelin Aria, ma vi si accede attraverso un civico diverso, il 12. Il nome richiama la via, Loggia dei Pisani e, con il suo soffitto a volte e l’atmosfera da club londinese, rimanda a un abbazia sconsacrata, un luogo senza tempo, ricco di atmosfera e classe.

The Lodge

Pavimento in pietra, sotto le volte, le cripte in legno scuro, l’allure quasi austera…The Lodge è stato pensato sin dall’inizio come un secret bar. Lo spazio rettangolare si divide in due stanze arredate con divani, tavoli e cuscini disposti sui lati di ciascun ambiente, tagliato da un corridoio centrale che aumenta la profondità dello spazio.

Dall’ingresso della sala si scorge, in fondo, il bancone del bar: unico punto colorato di verde inglese, con bottiglieria in ferro sapientemente illuminata.

Frutto di studio appare subito l’illuminazione sui lati delle sale, caratterizzata da punti luce disposti alle spalle dei mobili in legno.

 

La loro luce è proiettata sulle pareti che, essendo ad arco, consentono la creazione di una atmosfera d’insieme soffusa e calda, accentuata dai lumiere disposti sui tavolini.

Ad attendere gli ospiti una carta di signature cocktail con nomi di grandi personaggi storici: da Alessandro Magno a Cleopatra, da Pitagora a Cristoforo Colombo.

Per ciascuno di loro è presente un racconto e una storia, riprodotti nei disegni di un giovane artista napoletano e che rimandano agli ingredienti e alle tecniche di mixology che hanno dato vita al cocktail.

Per ciascun drink, inoltre, è stato selezionato un bicchiere ad hoc, perfetto per racchiudere il cocktail e per esaltarne la degustazione.

Più che una drink list, quella del The Lodge è una sorta di ‘enciclopedia di personaggi’ che hanno donato l’ispirazione per creare il menù. “Di solito partiamo proprio dal personaggio, per poi costruire un cocktail che lo rappresenti fedelmente, anche se alcune volte capita il contrario ovvero di partire dalla creazione di un drink da abbinare a un personaggio.” spiegano i due bartender Mirko Maurello e Giuseppe Pisaniello.

Entrambi sono molto giovani ma con prestigiose esperienze alle spalle: Maurello si è fatto le ossa alla Soho House e al The Library Bar di Londra, poi al Bulk di Milano, a Il Locale di Firenze; Pisaniello viene da scuole come quella di Andrea Fiore e Matteo Di Ienno, a Il Locale a Firenze e di Manu Iturregi in Spagna. A seconda dell’orario, al The Lodge, in paring con i cocktail, verranno serviti stuzzichini salati oppure elementi di piccola pasticceria, naturalmente a cura dello chef di Aria, Paolo Barrale. Un accompagnamento che amplifica l’esperienza di The Lodge e che coccola gli ospiti in maniera esclusiva.

I signature cocktail

Un percorso che comporta una buona dose sia di tecnica che di creatività, quello intrapreso da Mirko Maurello e Giuseppe Pisaniello. Un lavoro che ha permesso la nascita di signature originali e intriganti, come quello dedicato ad Anita Garibaldi. La ricetta prevede Fat Wash Cachaca Sagatiba in Olio di Cocco, tintura dei noccioli d’oliva, la cui polpa invece è utilizzata per la cialda
decorativa e tintura di Sedano disidratato, ottenuto dagli scarti della cucina.

“Giochiamo con questa unione di sapori inusuale, cocco, olive e sedano. La provenienza di Anita ha ispirato naturalmente l’utilizzo della Cachaca brasiliana. Sia per l’uso del nocciolo che per il sedano, si è partiti da un concetto anti spreco e di utilizzo dei materiali di scarto della cucina di Aria.

Per il sedano, infatti, la parte più dolce ovvero quella interna, viene disidrata per la tintura, mentre le foglie, componente più aromatica e un po’ amara, vengono utilizzate per la produzione di una polvere che andrà a completare il cocktail.”

Nel Van Gogh invece, il nesso che lega drink e personaggio, è nella presentazione estetica del cocktail nel suo bicchiere: un guscio d’uovo aperto, prodotto esclusivamente per The Lodge dalle ceramiche Bhumi, con sopra una decalcomania del cielo stellato di Van Gogh.

“ Per questo drink abbiamo pensato a un flip (drink spumoso a base di uova) – spiega Maurello – perché sono quelli che vanno un po’ più fuori dagli schemi e non sempre facili. Il colore si presenta giallo intenso, abbinato al bicchiere di un Savory Vov a base di uovo, zucchero, distillato di nocciole e sherry.

Il formaggio ottenuto dal caglio del latte di mandorle, viene successivamente speziato con polvere di cardamomo nero e noce moscata.”

Fresco e fruttato è invece l’Alexandre Dumas, realizzato con kombucha di melograno ed estratto di melone giallo chiarificato, mentre vira su note dolci e speziate il Carlo Magno.

Quest’ultimo ha una base di Wild Turckey e Ginger honey, con buccia di lime lattofermentato, cialda di isomalto e disco ghiacciato di miele al ginger (oppure sorbetto di miele al ginger); a terminare viene versato sulla preparazione del bourbon alla carruba.

Il Gruppo J

Il Gruppo JCo nasce nel 2007 con il primo locale a Portici, in provincia di Napoli, il Gravina 13, un punto di riferimento del clubbing. JCo è nato dall’idea di quattro soci, Francesco Morante, Francesco De Vita, Mario ed Eduardo Fernandes.

Quattro giovani imprenditori provenienti da esperienze e settori differenti che hanno unito energia ed expertise per realizzare e portare al successo diversi concept di ristorazione.

È del 2014, la decisione di espandere l’attività, sempre a Portici, con l’apertura del primo J contemporary, un’offerta di ristorazione asiatica di alto livello, seguita dal secondo ristorante J nella city di Napoli, a ridosso del centro storico, nel 2016 e dal J a Sorrento l’anno successivo, con lo spazio sul rooftop del settimo piano dell’Hilton Sorrento Palace.

Nel 2018, invece, la nascita di Sushi and Co., dettata dall’esigenza di offrire nella città partenopea, accanto al J, un format più easy e dinamico di cucina giapponese rivisitata, con aggiunta di servizio take away.

Ancora nella città di Portici, l’inaugurazione del secondo punto Sushi and Co. a Marzo 2021.

In via Depretis a Napoli, infine, risiede il quartier generale del Gruppo, che oltre agli uffici amministrativi comprende anche il laboratorio gastronomico Leftside e il magazzino centralizzato Hub, dedicato al deposito delle risorse, per garantire una gestione dei beni monitorata e puntuale.

ROBERTA ANTONIOLI PR STUDIO

Roberta Antonioli, classe 1964, da oltre 20 anni opera nell’ambito della comunicazione, prestando la sua attività per alcune delle più importanti Agenzie di Milano in diversi settori, quali moda, beauty, technology, turismo, financial e food & beverage, fino a fondare la propria agenzia nel 2003.

Attualmente Roberta Antonioli Pr Studio ha focalizzato la sua aerea di competenza nel settore dell’alta ristorazione e del beverage di lusso, supportando e affiancando alcune della realtà enogastronomiche più importanti del panorama italiano e internazionale e sviluppandone strategie di comunicazione.

a cura della redazione

Written by giovanni47

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *