La Corte d’Appello di Venezia si è pronunciata recentemente con una sentenza, che ha confermato la piena validità dei marchi di Bottega S.p.A., a tutela dei tratti distintivi delle bottiglie Bottega Gold e Rose Gold, e ha respinto la domanda di non contraffazione di Ca’ di Rajo, riconoscendo la confondibilità con i marchi di Bottega delle bottiglie oro e rosa
specchiate di Ca’ di Rajo, con relativa condanna al pagamento delle spese processuali.
Questa sentenza conferma l’analoga sentenza, resa in primo grado dal Tribunale di Venezia, la precedente decisione in fase cautelare e il successivo reclamo al collegio.


Quindi si tratta di una vittoria confermata 4 volte.


Nello specifico la Corte veneziana, tra le più competenti del nostro paese, ha argomentato che i colori oro e rosa specchiati delle bottiglie, peculiarità distintiva, sono l’elemento primario caratterizzante i marchi di Bottega Spa.

Quindi non la forma della bottiglia, né l’etichetta, né altri dettagli grafici valgono ad eliminare l’effetto confusorio di identiche specchiature. Stesse decisioni sono state prese nel recente passato dall’EUIPO, l’Ufficio dell’Unione Europea per la proprietà intellettuale, e successivamente dal Tribunale UE.

La sentenza sopra citata ha quindi confermato una volta in più la distintività dei marchi, espressa dalla diffusione del brand su scala mondiale al punto che la cosiddetta specchiatura dei colori oro e rosa sono diventati l’emblema dei marchi di Bottega.

Bottega ha ideato le bottiglie con colori specchiati a partire dal 2001, a conferma di una carriera lunga e articolata in cui ha sempre dimostrato massima originalità ed estrema innovazione, caratteristiche imprenditoriali che, insieme a una qualità riconosciuta negli anni da quasi 400 premi nazionali ed internazionali, hanno portato la cantina e distilleria di Bibano di Godega (TV) ad essere una delle aziende più imitate in tutto il mondo nel settore dei vini e dei distillati.

La validità dei marchi registrati nel corso degli anni è stata riconosciuta in Italia e in Europa dai diversi organi competenti.

a cura della redazione

Written by giovanni47

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *