La colomba è il dolce più tradizionale del periodo pasquale che accomuna tutte le regioni italiane e che, insieme all’uovo di cioccolato, rappresenta la conclusione ideale del pranzo di Pasqua.
Questo dolce richiama nella forma e nel nome il volatile dalle piume bianche, che per la religione cristiana ha un forte significato simbolico, evocando la pace, la salvezza e la resurrezione.
La colomba, sia nella versione classica che nelle molteplici varianti farcite proposte dai pasticceri artigianali e dall’industria dolciaria, si abbina con un vino spumante rosé dolce da uve Manzoni Moscato, che riporta la suggestiva denominazione Petalo Il Vino dell’Amore.
Anche le crostate alla frutta, la torta Paradiso e i dolci freschi e leggeri, che caratterizzano la primavera, si accompagnano egregiamente a questo vino spumante.
La bottiglia di colore rosa acceso viene realizzata con un esclusivo procedimento di metallizzazione della superficie esterna del vetro e rientra a pieno titolo nella collezione degli spumanti Bottega. L’etichetta, che raffigura una rosa in piena fioritura, evoca l’aromaticità del vino.
Petalo Manzoni Moscato Il Vino dell’Amore si caratterizza per il colore rosato, per il perlage fine e persistente, nonché per il profumo, fresco, intenso e delicato.
L’inconfondibile sapore dolce e fragrante è arricchito da sentori di rosa, lamponi e note speziate di salvia, timo e maggiorana.
Questo vino dolce sviluppa una gradazione alcolica di soli 7% vol., che lo rende particolarmente gradito ai giovani e alle donne. Pertanto è un prodotto di facile approccio che si sposa egregiamente con i principali dessert della cucina italiana e internazionale.
La bottiglia di immediato impatto visivo, che lo rende il prodotto ideale per celebrare feste e ricorrenze, può essere riutilizzata come portafiori per una rosa singola o come candelabro. Tre o quattro bottiglie raccolte insieme, se riutilizzate in questo modo, diventano quindi un inedito e accattivante centrotavola.
La bottiglia da 75 cl ha un prezzo al pubblico di circa 23 euro.

Il lungo e prezioso lavoro di selezione eseguito nei primi anni del ‘900 dal prof. Luigi Manzoni presso l’antica Scuola Enologica di Conegliano ha portato alla coltivazione di una serie di incroci, tra cui questo Incrocio Manzoni 13.0.25. La curiosa sigla è legata al sistema di catalogazione in campo ritrovato nei quaderni di appunti del professore. È un
incrocio tra il Raboso e il Moscato.
Questo vino è uno spumante che ha origine da uve coltivate in Provincia di Treviso, nella zona del Prosecco, un’area di grande tradizione enologica. Le bucce delle uve vengono sottoposte a un processo di macerazione con il mosto che si protrae per 24 ore. Il processo di spumantizzazione che segue, prende avvio dall’addizione di lieviti selezionati
direttamente al mosto. Il vino che ne deriva possiede il carattere fresco e fragrante delle uve di origine, un’alcolicità limitata e una piacevole dolce sensazione gustativa.

a cura della redazione

Written by giovanni47

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *