e poi tinozze di legno per il bagno antigravitazionale con musica subacquea, kneip d’urto al torretnte Gargitt, grotta salina e laghetto alpino balneabile sotto una yurta, discipline olistiche come yoga, qi-gong, black roll

Mai provato l’esperienza di un rituale sciamanico all’interno di una capanna sudatoria? Si tratta di una grotta, scavata sotto la pendenza di un terreno montano, mutuata dalla tradizione degli indiani Guaranì, di 2.000 anni fa. La capanna sudatoria, è la più antica delle saune: realizzata in salice e bacchette di nocciolo, prevede la permanenza di due ore all’interno di questo nido riscaldato da pietre calde.

La porta viene aperta per offrire agli ospiti acqua con cui rinfrescarsi, mentre il custode del fuoco colloca nuove pietre calde. L’aroma e l’effetto rilassante delle diverse erbe aromatiche penetrano profondamente sottopelle fino all’anima attraverso i canali sensoriali, stimolando una salutare purificazione.

L’intero procedimento è accompagnato da una sciamana esperta del rituale della capanna sudatoria e, così, ogni gruppo dà origine a un personale rito di purificazione. A seconda dei desideri degli ospiti, fanno da sfondo a questa nuova esperienza offerta dal Lüsnerhof discorsi, pensieri, preghiere, tranquillità, il tamburo sciamanico o la melodia di altri strumenti.

La grotta sudatoria si trova a margine del percorso Naturellness® inserito nel parco del NaturHotel Lüsnerhof. Si tratta di un percorso barefooting unico nel suo genere che si distribuisce lungo 500 metri, fino al limitare del bosco.

Gli ospiti lo percorrono in accappatoio, lungo di esso fanno tappa alle tinozze di legno per il piacere di un bagno antigravitazionale con musica subacquea, si concedono una sosta nelle mega vasche idromassaggio esterne, si abbandonano a un tuffo rigenerante nella piscina esterna o nel laghetto alpino fitodepurato dalle piante acquatiche, fanno del kneipp d’urto direttamente nel ruscello Gargitt che scorre di fianco l’Hotel.

Per poi catapultarsi nel caldo abbraccio delle dieci saune in legno e pietra suddivise a diversi livelli: il primo racchiude le tipologie più delicate, tra cui la biosauna alle erbe fresche e agli aghi di abete; la grotta di roccia con fiori di fieno, la sauna finlandese/salina e il bagno turco.

C’è poi una sauna panoramica in cirmolo con effluvi profumati e situata all’esterno, accanto alla vasca idromassaggio panoramica: qui 5 volte alla settimana avvengono le gettate di vapore con peeling. Una delle saune più suggestive è tra i rami di un albero dinanzi al ruscello Gargitt, a contatto con la natura più autentica: dalle cascatelle scorrono rivoli d’acqua limpidissima che vanno a riempire tinozze di legno. Altre tipologie di sauna sono disseminate nel parco del NaturHotel Lüsnerhof, alcune combinano piscina e sauna, altre sono vetrate e panoramiche, altre ancora
sfruttano il tepore dei raggi infrarossi. La grotta salina, contenente una soluzione salina al 15% – pari a quella del Mar Morto – accoglie i momenti di sospensione nel puro relax.

Ogni giorno poi, sotto una grande tenda della mongolia immersa nel parco dell’hotel, anche trattamenti di Yoga, Qi gong, risveglio muscolare e 5 tibetani. Insieme o individualmente, sotto la guida di un trainer in discipline olistiche, si eseguono esercizi di respirazione e distensione del corpo, sessioni di yoga con esercizi guidati di concentrazione e meditazione, ideali anche per rafforzare muscolatura, tendini e articolazioni; training di ginnastica posturale per liberare la schiena da posture scorrette e dolori cronici; esercizi di rilassamento progressivo muscolare secondo il metodo di Edmund Jacobsen: un procedimento per il quale attraverso un movimento voluto e non voluto vengono attivati solo certi gruppi muscolari per raggiungere una condizione di massimo rilassamento. Con il black roll si
acquisisce uno strumento ideale per automassaggiarsi così da rilassare il tessuto connettivo. E’ una disciplina che aiuta a prevenire l’acido lattico e agevola una migliore rigenerazione muscolare per garantire maggiori prestazioni fisiche.

La notte si riposa in camere intrise di larice, cirmolo e abete rosso, provenienti dai boschi della valle, e corredate di pavimenti in pietra calcarea delle Dolomiti tra cui la quarzite argentea della Val di Vizze, il marmo di Lasa, il serpentino di Fundres.

Muri in argilla e paglia assicurano una perfetta coibentazione, consentono la permeabilità naturale al vapore (cioè la spontanea fuoriuscita dell’umidità dall’interno dell’edificio verso l’esterno), si riscaldano attraverso il passaggio dell’acqua calda nelle condutture in essi ospitate, e non necessitano di intonaci tossici o nocivi per la salute.

Il riscaldamento è ottenuto con truciolato di legno e biogas, diffuso tramite impianto a pavimento. La centrale elettrica di Kaserbach sfrutta la corrente del Rio Lasanca e fornisce energia elettrica a tutto il territorio comunale di Luson, alimentando 531 utenti domestici e 233 imprese, per lo più turistiche, tra cui il NaturHotel Lüsnerhof. Quindici, poi, i camini in pietra, fonte di luce e calore, distribuiti all’interno della struttura, che infondono una profonda sensazione di sicurezza e benessere. Gli arredi sono realizzati dai maestri intagliatori senza l’ausilio di colle, chiodi né materiali sintetici, caratterizzano gli ambienti secondo lo stile wood wellness design. Wellness perché è risaputo che il pino cembro infonde calma interiore e migliora la qualità del sonno, facendo risparmiare al cuore più di 3.500 battiti al giorno. Il larice stimola la circolazione periferica e assicura stanze antibatteriche.

L’abete rosso influisce invece positivamente su infiammazioni dei bronchi, tosse e dolori reumatici, promettendo soggiorni balsamici! Spenti, infine, i frigobar (vengono accesi solo su richiesta!) per non esporre gli ospiti a emissioni elettromagnetiche.

Prezzo NaturHotel LusnerHof:

  • a partire da 144,00 euro a persona al giorno in trattamento di pensione 3⁄4 (colazione, ricca merenda pomeridiana e cena a 5 portate) e libero accesso ai bagni alpini del NaturHotel Lüsnerhof, partecipazione attività ed escursioni

Con un profilo inconfondibile, il NaturHotel Lüsnerhof domina la Valle di Luson (a 12 km da Bressanone) dal suo punto più panoramico. Riapre per la stagione estiva il 30 aprile 2021

a cura della redazione

Written by giovanni47

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *