Gio Evan di scena a Sanremo sceglie gli abiti di Waxewul realizzati con gli esclusivi tessuti made in Italy BemBAZINTM di Brunello, che uniscono i vivaci colori tipici dell’Africa all’innovazione responsabile

Bellezza, innovazione, sostenibilità e impegno sociale: insieme nella moda si può, solo se si uniscono tutte le possibili dimensioni: l’arte e la giusta comunicazione da parte di un giovane cantante come Gio Evan, lo stile, grazie a designer di nuova generazione come Waxewul, che alla base ha un processo creativo indipendente, etico e con uno sguardo anche al sociale, mettendo al centro un paese come l’Africa e i suoi preziosi tessuti di indubbia bellezza, e materiali di elevata qualità grazie alla vision e al know-how di aziende impegnate e dalla produzione made in Italy, come Brunello, che utilizza la fibra BembergTM di Asahi Kasei, creando prodotti innovativi, creativi e sostenibili.
Ed è così che il tradizionale tessuto damascato africano BemBAZINTM, dai colori accesi e vibranti, è stato scelto da Gio Evan per quattro serate a Sanremo. I completi camicia, giacca e bermuda sono del brand Waxewul di Francesca Cosentino e arricchiti da una serie di caratteristiche di performance e sostenibilità grazie a Brunello, dal 1927 produttore di tessuti nell’omonimo comune alle porte di Varese. Il risultato è BemBAZINTM, una nuova generazione di bazin creata brevettata e prodotta proprio da Brunello e che rende omaggio alla tradizione fondendo artigianato e tecnologia: le fibre high-tech e responsabili di BembergTM di Asahi Kasei, presenti all’interno dei tessuti BemBAZINTM, provengono dalla trasformazione di materiali pre- consumo, i linter di cotone, convertiti attraverso un processo tracciabile e trasparente, sono certificate GRS e intrecciate con materie prime per un tessuto dalla lucentezza naturale e unica, dai colori intensi e dai motivi tridimensionali di magnifico effetto, elementi che hanno reso unici i capi indossati dal cantante.

La scelta anticonformista e sostenibile di Gio Evan, che preferisce ai grandi brand il lavoro artigianale del team tutto al femminile di Waxewul, è tutta nelle sue parole: “Niente colossi, niente brand di alta nomea, li ho conosciuti ma non mi hanno conquistato come la mia amica Francesca (Waxewul). Quindi ho chiesto a lei di farmeli”.
Francesca Cosentino, fondatrice di Waxewul, risponde così: “Waxewul nasce dall’idea di realizzare artigianalmente in piccola tiratura, una linea di abbigliamento e accessori artigianali dallo style urban-afro che si fondino su principi etici come sostenibilità ambientale e sociale, circolarità e inclusività. La scelta di Gio, che abbiamo incontrato e conosciuto tre anni fa, ci ha onorato perché ci ha permesso di scoprire di condividere gli stessi valori e di avere la stessa volontà di diffonderli”.

In Brunello, Manuela Della Vedova, responsabile Marketing e Comunicazione, spiega: “Il nostro impegno è creare tessuti made in Italy che siano sinonimo di eccellenza, sostenibilità e tracciabilità, ricercando sempre la massima qualità del prodotto. Tutti questi valori hanno sicuramente guidato la scelta di Waxewul sui nostri tessuti e quella di Gio Evan sul brand, scelte che ci spingono a procedere verso una direzione di innovazione responsabile. BemBAZINTM è un marchio registrato da Brunello, che ne è l’unico produttore, unisce la tradizione africana all’innovazione italiana”.
Giusy Bettoni, CEO e fondatrice dell’ecohub C.L.A.S.S (Creativity, Lifestyle And Sustainable Synergy) e riconosciuta esperta di sostenibilità a livello internazionale, ritorna sul concetto di promuovere e comunicare la responsabilità ambientale in tutte le sue dimensioni: “Sanremo è sicuramente un’occasione unica per diffondere ulteriormente i veri concetti di sostenibilità al consumatore (una sostenibilità reale, tracciabile, trasparente e certificata), grazie a un team perfettamente allineato di aziende e persone, che condividono uguali obiettivi e valori: il cantante Gio Evan, che si rende portavoce di questo messaggio positivo che oggi più che mai è diventato globale, Waxewul, che sceglie e interpreta sapientemente design, materiali e cultura, Tessuto BemBAZINTM di Brunello utilizzato per dettagli e fodere della giacca e per gli shorts del look della prima serata. Contiene il filato BembergTM e importanti e storiche aziende come Brunello, che ha saputo evolversi verso l’innovazione responsabile, e BembergTM, nostro partner”.
La sostenibilità dunque è ancora al centro, come scelta responsabile, come messaggio di inclusione.

Una presa di posizione decisa e densa di valori contemporanei che calca oggi anche il palcoscenico di Sanremo, sotto gli occhi del grande pubblico, sempre più attento al rispetto dell’ambiente, delle persone e della salute.

Con uno sguardo anche alla lontana Africa, oggi un po’ più vicina con i suoi colori, come un inno di speranza.
Waxewul è anche parte di Sfashion-net, il portale fondato da Marina Savarese e Guya Manzoni e Valeria Santarelli nell’aprile 2020 per supportare e promuovere le micro imprese di moda critica e sostenibile.


Sfashion-net è una rete basata sulle relazioni umane, sulle microimprese, su un’idea di moda differente.

Lo scopo del progetto è raccogliere, in un unico “luogo virtuale” le attività, le micro imprese, i progetti sartoriali, di design, e di portarli all’attenzione del pubblico; ma soprattutto, dare loro supporto, innescare collaborazioni virtuose e stimolare uno scambio vivace e libero di idee.


Uno spazio dove incontrare i protagonisti dell’“altra moda”, con l’obiettivo di dare voce ad attori che troppo spesso rimangono fuori dalla scena principale, ma che rappresentano innovazione e futuro.

Brunello. Dal 1927 il Brunello diffonde l’eccellenza italiana in tutto il mondo attraverso la lavorazione di fibre tessili artificiali. Tradizione, innovazione ed ecosostenibilità caratterizzano la loro leadership. Con una sede aziendale di oltre 65.000 metri quadrati, Brunello è stato istituito nel cuore dell’omonimo paese ed è diventato la sua forza trainante. La società vive il futuro proteggendo le sue tradizioni. La “tradizione” è un concetto essenziale per loro, pertanto prestano la massima attenzione alla scelta dei materiali al fine di soddisfare i pilastri fondamentali di qualità e sostenibilità. BemBAZINTM è il marchio del tessuto, prodotto da Brunello.
BemBAZINTM, una nuova generazione di bazin (il tradizionale tessuto damascato africano utilizzato per realizzare i tipici abiti dai colori accesi e vibranti) che rende omaggio alla tradizione fondendo artigianato e tecnologia. Il nuovo prezioso tessuto viene prodotto utilizzando un processo altamente tecnologico al fine di garantire alta qualità unita a caratteristiche tecniche innovative. BemBAZINTM è un marchio registrato di Brunello ed è brevettato in tutto il mondo. Il comfort è alla base di BemBAZINTM: il lavoro di Brunello e BembergTM ha portato a ottenere un un’eccezionale traspirabilità e un elevato potere assorbente in grado di donare una naturale sensazione di freschezza. Traspirabilità naturale che aumenta ad ogni lavaggio.
WAXEWUL nasce nel 2015 dall’idea di Francesca Cosentino di realizzare un brand di abbigliamento sartoriale ed accessori artigianali dall’animo urban-afro che ha come etica di base la sostenibilità ambientale e sociale. Utilizza principalmente tessuti waxprint e tessuti filati e tinti a mano secondo antichi e tradizionali metodi e acquista direttamente da botteghe artigianali, gestite per lo più da donne, nei villaggi di Senegal, Gambia, Mali. Waxewul è anche parte di Sfashion-net.
Sfashion-net è il portale fondato da Marina Savarese e Guya Manzoni e Valeria Santarelli nell’aprile 2020 per supportare e promuovere le micro imprese di moda critica e sostenibile.
Sfashion-net è una rete basata sulle relazioni umane, sulle microimprese, su un’idea di moda differente. Lo scopo del progetto è raccogliere, in un unico “luogo virtuale” le attività, le micro imprese, i progetti sartoriali, di design, e di portarli all’attenzione del pubblico; ma soprattutto, dare loro supporto, innescare collaborazioni virtuose e stimolare uno scambio vivace e libero di idee. Uno spazio dove incontrare i protagonisti dell’“altra moda”, con l’obiettivo di dare voce ad attori che troppo spesso rimangono fuori dalla scena principale, ma che rappresentano innovazione e futuro.
BembergTM, di Asahi Kasei, è un materiale di nuova generazione unico nel suo genere, ineguagliabile e originale realizzato dalla trasformazione smart-tech di materiale pre-consumo di linter di cotone, convertito attraverso un processo tracciabile e trasparente a circuito chiuso. Prodotto in Giappone, BembergTM conferma gli standard di qualità attraverso uno studio LCA certificato, firmato da ICEA e validato da Paolo Masoni. BembergTM ha la certificazione GRS, Oeko-Tex 100 e ISO 14001. BembergTM detiene il rapporto Innovhub-SSI più recente confermando che i suoi filamenti si disintegrano al 100% in valore entro i limiti specificati dalla UNI EN 13432, punto A.3.1 per la disintegrazione in processo di compostaggio. BembergTM ha testato secondo la norma EN 13432: 2000, allegato E, il compost ottenuto da questi filamenti e ha rivelato l’assenza di effetti di ecotossicità, secondo ISO 16929: 2013. Inoltre, i filamenti BembergTM sono risultati negativi per metalli pesanti e altre sostanze pericolose conformi ai test specificati dalla norma UNI EN 13432, per le sostanze elencate nella tabella A.1. Bemberg/BembergTM è fresco, antistatico e traspirante con un drappeggio unico ed elastico. Asahi Kasei offre anche al mercato una famiglia unica di filati elasticizzati dalla vestibilità avanzata. Con il marchio ROICATM, sono progettati per migliorare e modellare il modo in cui viviamo. BembergTM è il marchio commerciale della fibra di cellulosa rigenerata Cupro, prodotta solo da Asahi Kasei. BembergTM è anche partner di C.L.A.S.S.
C.L.A.S.S. è l’ecohub internazionale fondato da Giusy Bettoni nel 2007 che si è affermato come punto di riferimento nel settore della moda e del tessile per marchi, designer, produttori, studenti e tutti coloro che vogliono rendere la moda più smart. La missione di C.L.A.S.S. è quella di fornire ai professionisti gli strumenti strategici per innescare il cambiamento e crescere sia in responsabilità che in competitività. L’ecohub persegue i suoi obiettivi fondendo design e innovazione con i nuovi valori sostenibili che i consumatori contemporanei stanno cercando. Il portafoglio di servizi di C.L.A.S.S. comprende:
• THE SMART TOOLS, una piattaforma di materiali responsabili e tracciabili, tecnologie e innovazioni all’avanguardia sia per i processi produttivi che per la comunicazione, il tutto iniettando sostenibilità nel tessile, nelle collezioni di moda e nelle performance delle aziende.
• THE SMART ACADEMY, un ricco programma di eventi, conferenze, lezioni e servizi con un obiettivo molto importante: educare, sensibilizzare e ispirare professionisti, studenti e anche consumatori finali. Perché non c’è sostenibilità senza conoscenza.
• THE SMART SHOP, la banca dei materiali d’ispirazione e l’e-shop dei campioni per studenti, designer e marchi che vogliono esplorare e testare i tessuti sostenibili.
Nel corso degli anni, C.L.A.S.S. ha collaborato con alcuni dei più influenti attori del business virtuoso deltessile e della moda come Premiére Vision, Fashion for Good, Renoon, Fashion 4 Development, Fondazione Ferragamo, The Sustainable Angle e altri. www.classecohub.org

a cura della redazione

Written by giovanni47

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *