Innovazione, sostenibilità e design sono i cardini del nuovo polo ricettivo alle porte di Bergamo, che intreccia nel suo interno esperienze immersive dalle anime diverse ma connesse che prendono corpo in: Life Hotel, Life Source Food Experience e MediSPA. Il 6 settembre, in occasione del Salone del Mobile, il corso di formazione “Polo Life Source – il futuro dell’ospitalità” accoglierà architetti ed ingegneri che potranno approfondire elementi architettonici, strutturali e tecnologici alla base della forte innovazione dello spazio

L’uomo al centro, attore principale e protagonista di una serie di esperienze di diversa natura – food, healthy, relaxing – utili alla sua crescita e al suo appagamento.

Da questa consapevolezza e con questa filosofia nasce Life Source, nuova frontiera del benessere e del well-being, le cui particolarità architettoniche e scelte sostenibili saranno presentate alla stampa con due eventi il 2 e 16 settembre e ad architetti e ingegneri con un corso ad hoc (“Polo Life Source – il futuro dell’ospitalità”) il 6 settembre.

Progetto avanguardistico capace di far dialogare sostenibilità e design, innovazione tecnologica e sperimentazione architettonica, funzionalità ed estetica, ma anche insieme di esperienze immersive che fanno della natura
la loro ispirazione, Life Source è un polo ricettivo trasversale che coniuga nel suo interno l’ospitalità (Life Hotel), la cultura del buon cibo (Life Source Food Experience) e la salute (MediSPA).

20 metri di altezza, 4 piani, 126 camere, 5 sale per riunioni e meeting, un ristorante gourmet, un bistrot e un suggestivo rooftop di 800 mq affacciato sullo skyline di Città Alta, un parco di oltre 5900 mq e 120 posti auto nel parcheggio: questi sono i numeri di Life Source che, certificato LEED Gold – attestato che garantisce un elevato standard di qualità lungo tutto il percorso di costruzione e di cui in Italia possono fregiarsi solamente due hotel – conta su una struttura studiata e realizzata nel nome del basso impatto ambientale, della perfetta fusione con il
contesto e della sostenibilità, complici scelte architettoniche, ingegneristiche e d’interior design mirate.

Polo Life Source: innovazione tecnologica e green attitude

Tutto parla di innovazione e sostenibilità al polo ricettivo Life Source. Lo confermano le soluzioni eco e respectful adottate come, tra le altre, un impianto fotovoltaico, una facciata continua a montanti traversi in alluminio, realizzata in vetro, considerata tra le più performanti in Italia perché in grado di ottimizzare l’isolamento termico grazie all’impiego di un pacchetto vetri altamente tecnico e di garantire isolamento acustico di 49 decibel. La facciata ventilata invece è stata realizzata con una lastra ceramica con consumo energetico inferiore del 30%.

Ad assicurare massima efficienza energetica sono anche un impianto di condizionamento misto (idronico e a tecnologia VRF), soluzioni domotiche ad hoc e scambiatori termici per il recupero e ricambio costante dell’aria primaria.

Nel nome della sostenibilità sono poi 14 colonnine per la ricarica delle auto elettriche poste nell’area parcheggio.

Non secondario il fattore innovazione: lo si comprende posando lo sguardo sulla parte frontale dell’edificio, dove a spiccare è un aggetto strutturalmente sostenuto da un sistema ad arco e posteso, da cui sgorga la tenda d’acqua piùgrande d’Italia con funzione decorativa e di privacy.

Nel nome della sicurezza resa necessaria dalla pandemia e nel rispetto del design e dell’estetica sono infine gli interni, rivoluzionati nella fruizione degli spazi e nei flussi di transito degli ospiti. L’attitudine green, l’attenzione alla sicurezza e al benessere si leggono inoltre nelle camere, in stile essenziale e moderno, progettate per offrire spazi multifunzionali per le esigenze di comodità e fruibilità richieste dalla vita contemporanea.

Life Source Food Experience: ristorante gourmet, bistrot e rooftop, 3 mood una sola anima

Life Source Food Experience si declina in tre locali dedicati al palato – ristorante gourmet Le Terre, bistrot Onda e rooftop Atmosfere – che, healthy per filosofia e ispirati dalla natura per le scelte estetiche degli interni e per le proposte del menù, eleggono la qualità dei prodotti e l’attenzione alla loro selezione a baluardi, l’abilità nella loro lavorazione a diktat e la cura nel proporli a nota di valore.

Tre mondi che si fondono, senza confondersi, guidati dalla mano maestra di uno chef di riconosciuto valore, allievo di Gualtiero Marchesi e finalista del Bocuse d’Or nel 2000.

Prodotti stagionali, a km zero, di qualità estrema e di ricercatezza per singolarità sono i protagonisti delle proposte del ristorante Le Terre, capaci di fondere la tradizione della migliore cucina italiana con la creatività della sperimentazione, in un ambiente di eleganza sobria, ricercato nei dettagli e confortevole. Cambiano invece i codici gourmet al bistrot Onda, lo spazio più eclettico di Life Source, dove tutto è possibile: concedersi una colazione golosa o uno spuntino stuzzicante, un light lunch o una cena informale.

Portate dai sapori inaspettati sono serviti in un contesto relaxing ed accogliente. Suggestioni emozionali infine al rooftop “Atmosfere”, 800mq vista panoramica su Città Alta e i suoi Colli dove concedersi una cena naturalmente romantica, un aperitivo gourmet, un after dinner o una cena di gala chic.

MediSPA: il luogo della salute e della bellezza

Il benessere nasce anche dalla capacità di dedicarsi attenzioni che portino a migliorare la qualità della propria vita. Un percorso che Life Source affida alla sua MediSPA. In quest’area riservata ed intima trovano spazio una piscina di classe C, utilizzabile anche per la riabilitazione e con una porzione dedicata all’idromassaggio, un bagno turco, una palestra allestita con dispositivi Technogym e 2 cabine per trattamenti estetici.

Life Source& Salone del Mobile

Architettura, design e tecnologie di ultima generazione qualificano Life Source che, in occasione del Salone del Mobile, li celebra con il corso di formazione “Polo Life Source – il futuro dell’ospitalità” (Life Source – 6 settembre/14.30-18.30) per architetti ed ingegneri, centrato su tematiche che, prendendo spunto dalla sua
avanguardia realizzativa, ne approfondiscono gli elementi strutturali e progettuali.

Ad essere trattati da relatori di riconosciuta fama saranno temi come “Il polo Life Source: un nuovo concetto di ospitalità che guarda verso il futuro” (Leonardo Togni, architetto), “La progettazione elettrica e meccanica di un Hotel certificato LEED: impianti intelligenti e monitoraggio energetico per una gestione operativa orientata al comfort e ad una gestione operativa iper-efficiente” (Ingegner Antonino Casale, Partner EcoXpert, Diego Rigamonti, Segment Manager Retail & Hotel per Schneider Electric), “L’equilibro tra impianto Idronico e VRF all’interno del settore ospitalità” (Massimo Salmaso – Education & Training Specialist – Mitusbishi Electric),
“L’involucro vetrato del progetto Life Source: 49 dB e 0,68 W/mqk per garantire elevati parametri di sostenibilità ambientale e comfort interno” (Alberto Speri, project manager Zanetti srl), “Quando la ceramica diventa soluzione tecnologica” (in definizione fra Graziano Ferrari Responsabile Divisione Engineering Mirage e Andrea Soli: Project Management Divisione Engineering Mirage), “Design: la sfida di ripensare l’hospitality del futuro” (Gianpaolo Sana, Presidente Tino Sana srl), “Hospitality e comfort acustico: il ruolo della porta da interni” (Valerio Bolognini, responsabile commerciale contract di Garofoli), “Flessibilità e stile nel settore ospitalità per un’esperienza integrata.” (Massimo Perrotto – Responsabile Formazione Tecnico/Commerciale di Vimar) e “Conduzione e coordinamento del processo di costruzione Life Source” (Daniel Calvo, Energy Consultant di Cospe).

I PARTNER DEL PROGETTO LIFE SOURCE: MITSUBISHI ELECTRIC, GAROFOLI, FABBIAN, ZANETTI, VIMAR, TINOSANA, COSPE, MIRAGE, SCHNEIDER ELECTRIC

a cura della redazione

Written by giovanni47

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *