Venerdì 24 settembre, in occasione della Notte Europea dei Ricercatori 2021, nel padiglione Aeronavale del Museo Nazionale Scienza e Tecnologia si è tenuta l’inaugurazione della Digital Zone YOU&AI e del Workshop dedicati al tema dell’Intelligenza Artificiale in cui, attraverso incontri e attività, verranno raccontate le nuove tecnologie e il modo in cui stanno cambiando le nostre vite, tra salute, mobilità e sicurezza.

Una serata speciale dedicata all’Intelligenza Artificiale, per scoprire il progetto YOU&AI, realizzato dal Museo in collaborazione con il Centro Comune di Ricerca (JRC) della Commissione Europea di Ispra, che ha portato alla realizzazione di un ambiente digitale e di un workshop, volti a migliorare il dialogo e il coinvolgimento del pubblico, dagli adulti ai gruppi di studenti, sul tema dell’AI.

Fiorenzo Galli, Direttore Generale del Museo Nazionale Scienza e Tecnologia, ha dichiarato: “Il progetto che inauguriamo oggi è frutto di una intensa collaborazione tra il Museo e JRC, che condividono l’obiettivo di potenziare il dialogo tra la ricerca e i cittadini, di costruire una cittadinanza scientifica consapevole e critica, di consolidare la fiducia nella ricerca. Proprio la pandemia ci ha mostrato l’importanza della collaborazione tra politica, società e scienza e quanto sia rilevante la partecipazione dei cittadini.

Il Museo, in linea con le direttive europee, lo fa attraverso una costante condivisione di esperienze con il mondo della ricerca, creando contesti di dialogo inclusivi, sviluppando competenze scientifiche e incoraggiando una riflessione sulla complessità della scienza e sul valore etico e sociale dei processi di ricerca e di innovazione. Ed è proprio in questo scenario che si aprono opportunità e interrogativi sul tema dell’intelligenza artificiale, un tema con il quale ci confrontiamo ogni giorno in modo più o meno diretto, e che ci ha portato a dar vita a un progetto come YOU&AI”.

Stephen Quest, Direttore-Generale del Centro comune di ricerca (JRC), ha detto: “L’intelligenza artificiale (AI) cambierà le nostre società e le nostre vite. L’AI porterà molte nuove opportunità, ma deve essere gestita con attenzione.

L’Unione europea mira a sviluppare un’AI che sia etica, sicura e degna di fiducia. Il JRC sta sostenendo questo obiettivo fondamentale con prove scientifiche indipendenti e con il lavoro di molti scienziati. Lavorando con i principali musei europei, dove alla gente piace scoprire la scienza, possiamo avvicinare la nostra ricerca ai cittadini e spiegare come il lavoro dell’UE giovi alla vita quotidiana di tutti. Vogliamo coinvolgere di più i cittadini e allo stesso tempo capire le loro preoccupazioni”.

Nella Digital Zone YOU&AI i visitatori, guidati da un animatore scientifico, possono sperimentare in prima persona alcuni scenari di Intelligenza Artificiale del prossimo futuro, grazie alle più innovative tecnologie immersive e interattive disponibili oggi sul mercato. Adatto per scuole e pubblico adulto, la Digital Zone si compone di tre esperienze: “Che faccia ha l’IA?”, in cui un display olografico interattivo presenta i punti di vista di esperte ed esperti su vari temi come tecnologia, salute, diritti, giustizia sociale ed etica, protezione dei bambini e dei cittadini, arte, filosofia;
“Da che parte stai?”, in cui il partecipante si immerge, con l’utilizzo di un visore di realtà mista, in quattro ipotetici scenari futuri dove l’AI è impiegata per svolgere certe funzioni;
“Sai muoverti nel futuro?”, dove un visore di realtà virtuale immersiva trasporta il visitatore all’interno di una simulazione ambientata in una metropoli europea immaginaria del 2030.

Il workshop ha l’obiettivo di stimolare la discussione fra i partecipanti e raccogliere le diverse posizioni sul tema dell’intelligenza artificiale. Attraverso la metodologia della “thinking routine” e l’uso di piattaforme digitali i partecipanti partecipano a sondaggi di opinione e condividono le idee in modo innovativo e visuale, oltre a provare un algoritmo per il riconoscimento delle immagini. Inoltre, approfondiscono il tema del riconoscimento facciale, diffuso in molti settori della società (banche, scuole, uffici, …), esplorano benefici e problematiche in campo etico: invasione della privacy, disparità di trattamento fra diversi gruppi di cittadini, accentuazione delle diversità sociali.

La Digital Zone sarà aperta al pubblico nei weekend: 16-17 ottobre, 23-24 ottobre, 6-7 novembre, 13-14 novembre (nell’ambito del Festival Focus Live), 4-5 dicembre, 18-19 dicembre negli orari 10-11, 12-13, 15-16 e 17-18.
Il Workshop sarà aperto al pubblico il 16 ottobre alle ore 10-12 per gli insegnanti in occasione dell’Open day e il 13 e 14 novembre per il pubblico durante Festival Focus Live con orario 14-15 e 16-17.

Il programma dettagliato delle attività con gli orari è consultabile all’indirizzo: http://www.museoscienza.org/it/offerta
Acquisto e prenotazione di data e orario dell’ingresso e della attività sono effettuabili online al link https://www.museoscienza.org/it/visitare/biglietti

Si ringraziano per la serata:

Associazione della Compagnia Duse di Besozzo
Club Teatro CCR di Ispra
Tutti gli attori che hanno partecipato alla performance “Open your heart” sotto la direzione di Silvia Sartorio

a cura della redazione

Written by giovanni47

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *