La sconfinata passione di Mario Cucci per la città di Bergamo non è mai stata un segreto.

Il 6 giugno, interverranno in occasione dell’iniziativa “Domeniche Letterarie” Mario Cornali, Cesare Rota Nodari e Umberto De Martino, personalità legate all’editore da un rapporto d’amicizia ancor prima che professionale, per raccontare ciò che li accomuna, ovvero il grande amore per il bergamasco e le sue ricchezze.

BERGAMO – Tutte le domeniche alle ore 10.30, presso lo Dehor Pasqualina in piazza Matteotti – in collaborazione con la libreria Arnoldi – ha luogo la rassegna “Domeniche Letterarie”, a cura di Maria Di Pietro.

“Domeniche letterarie” nasce e ruota intorno al libro quale strumento e veicolo di promozione culturale del territorio e per il territorio.

L’obiettivo della rassegna è promuovere e presentare autori, editori e piccole realtà virtuose legate alla città di Bergamo; nelle parole dell’organizzatrice: “abbiamo bisogno di pane e di parole perché non si può far esperienza della realtà senza il racconto di essa. E noi abbiamo tanta buona realtà da raccontare”.

Mario Cucci, nonostante sia un editore operativo nel milanese, è legato da passione e profondo spirito di amicizia alla città di Bergamo – come testimoniano i protagonisti degli interventi in programma in data 6 giugno 2021.

Saranno, infatti presenti l’autore di ‘Un topo da due parti’, Mario Cornali, personalità che interpreta da sempre il proprio mestiere principale, quello di chef del Ristorante Collina di Almenno San Bartolomeo, con il gusto dell’artista e l’interesse dell’antropologo, e Cesare Rota Nodari, ideatore delle immagini che costellano il volume, figura nota del panorama culturale bergamasco e non solo per la sua attività di architetto, di designer e per le sue innumerevoli passioni professionali, che lo spingono spesso alla ricerca di nuovi stimoli e intuizioni artistiche.

Sarà inoltre presente Umberto De Martino, chef stellato del Ristorante Umberto De Martino, presso il Relais Florian Maison di San Paolo D’Argon, e autore del libro ‘Umberto De Martino’, dove racconta il proprio percorso – iniziato a Sorrento “senza cinquemila lire in tasca” e culminato a Bergamo con la stella Michelin – e raccoglie più di 60 emblematiche ricette.

Lo Chef Mario Cornali nasce a Bergamo il 25 novembre 1965. Abita e lavora ad Almenno San Bartolomeo (BG) in vece di cuoco e proprietario del Ristorante Collina.

Da sempre, abbina alla professione di chef la passione della scrittura; ‘Un topo da due parti, analisi dell’atto creativo’ è la sua sesta pubblicazione; si segnalano, tra le altre, Le cime degli alberi (2007), Pensieri canditi (2011) e Conto su di te aforismi di fine pasto (2017). La perfetta sinergia di filosofia, arte e cucina rappresenta in pieno la figura e il pensiero di Mario Cornali che, non a caso, ha sempre preferito descrivere il proprio lavoro come filosofia in cucina piuttosto che filosofia di cucina.

Cesare Rota Nodari è nato ad Almenno San Bartolomeo, nel 1935. Architetto e personalità poliedrica, dall’instancabile vena creativa, si è dedicato all’insegnamento e alla libera professione.

È stato ideatore, in Italia e all’estero, di progetti per la sanità, per la residenza, per l’istruzione, per il culto religioso, oltre ad essere autore di opere di design industriale di notevole successo, di grafica, di gioielli, di scultura.

Numerose sono le pubblicazioni d’architettura, d’arte e per l’infanzia, così come mostre a lui dedicate: “Cesare Rota Nodari architettura, forme e segni”; “Il tempo in architettura con cesare Rota Nodari”; “Città domestica”. Ha riscoperto incarichi in comitati scientifici nell’ambito della salvaguardia e della promozione culturale. È accademico dell’Ateneo di Scienze, Lettere e Arti di Bergamo.

In Un topo da due parti, Mario Cornali esplora le occorrenze ove possa manifestarsi l’atto creativo, allo scopo di sensibilizzare il lettore riguardo la diversa consapevolezza che può scaturire dalle giuste domande ancor più che dalle giuste risposte.

In questo senso, il dubitare metodico, lo stile di indagine spiccatamente filosofico, non devono respingere, anzi: le riflessioni, infatti, sorgono sempre da interrogativi semplici, quesiti astratti, più adatti all’immaginazione di una bambina – come la nipote dello chef, che ispira il libro – piuttosto che a quella di un adulto.

Per agevolare la fruizione del testo, le pagine speculative si alternano a novelle suggestive, servendosi della metaforica dell’immagine e dell’astrazione simbolica propria del ‘raccontare’ per liberare e normalizzare la concettualizzazione della realtà, alla quale si attinge per individuare l’azione creativa, alla radice di un’opera d’arte come di un piatto.

Le evocative immagini di Cesare Rota Nodari che impreziosiscono il volume non sono “illustrative” dello scritto, ma intessono con il testo un dialogo sul metodo; sottopongono questioni, scardinano gli schemi preordinati della sintassi con la potenza simbolica dell’immagine.

L’immaginazione libera del bambino, il punto di vista senza preconcetti, è il metodo che introduce alla libertà di accostamento, di interpretazione, di approccio, che, se applicata, diviene sconvolgente e rivelatrice. In una parola, crea.

Umberto De Martino nasce a Sorrento nel 1974. La passione per la cucina è di famiglia: il papà, Giuseppe, è infatti un noto chef della penisola, ma è il rapporto stretto con la mamma, che riempie a partire dalle prime ore del mattino la casa di un aroma inconfondibile che lo induce a intraprendere il percorso per divenire chef. In seguito alle esperienze stellate in Italia, da La Ciau del Tornavento di Maurilio Garola (Treiso) alla Torre del Saracino di Gennaro Esposito (Vico Equense), a marzo 2015, lo Chef De Martino si mette in proprio con il Ristorante Umberto De Martino a San Paolo d’Argon (BG), luogo in perfetta simbiosi con il bosco. Nel novembre 2017, Umberto De Martino conquista la sua prima stella Michelin. La visione gastronomica di De Martino è fortemente legata ai suoi natali e alla selezione accuratissima della materia prima.

Umberto De Martino è il primo libro dello chef stellato sorrentino, ormai naturalizzato bergamasco. Trova la luce con il contributo di amici e colleghi del calibro di Nino di Costanzo, Gennaro Esposito, Domenico Iavarone, Giancarlo Morelli, Tessa Gelisio.

All’interno del volume sono raccontate le tappe dell’incredibile carriera dello chef, una storia che parte da Sorrento “senza cinquemila lire” per poi arrivare a Bergamo con la stella Michelin.

Sono inoltre raccolte più di 60 ricette rappresentative del suo percorso: “ingredienti” principali sudore della fronte e il sacrificio, danno vita a una cucina orgogliosa e, con le parole di Umberto, “di rivalsa, semplice e sincera”. Umberto De Martino è uno chef ed un uomo che non può essere inquadrato in uno schema: è un coacervo di contraddizioni che convivono inspiegabilmente, in sinergia, in una singola persona.

Le ricette sono organizzate in blocchi evocativi dai nomi molto suggestivi – evocazione, istinto, dissenso, clamore, sussurro, sospensione –, che sfuggono alla suddivisione antipasto, primo e secondo; lo chef immagina dei percorsi che raccontano e disvelano poco alla volta la sua storia, generando veri e propri itinerari sinestetici, nei quali il lettore è coinvolto insieme a tutti i propri cinque sensi.

La componente visiva è affidata a Tiziano Carrara, chef che ha sviluppato negli anni la passione per la fotografia, mentre gli abbinamenti delle etichette ai piatti sono opera di Francesco Pagani.

Titolo: Un topo da due parti, analisi dell’atto creativo

Autore: Mario Cornali

Coautore: Cesare Rota Nodari

Prima Edizione: ottobre 2020, a cura di Mediavalue Edizioni

Pagine: 167, formato 21×21

Prezzo di copertina: € 24,00

ISBN 978-88-944155-4-4

Distribuzione: in vendita su tutti i principali siti di settore (IBS, Amazon, Ellelibri) e presso il Ristorante Collina (BG)

Titolo: Umberto De Martino

Autore: autori vari

Prima Edizione: 10 febbraio 2021, a cura di Multiverso.

Pagine: 192, formato: 24×31, copertina cartonata, dorso quadro.

Prezzo di copertina: € 39,50

ISBN 978-88-945945-0-8

Distribuzione: in vendita su tutti i principali siti di settore (IBS, Amazon, Ellelibri), presso il ristorante Umberto De Martino (BG) e online nello shop del sito florianmaison.com. Direttore Editoriale: Mario Cucci

Mario Cucci Editore

Editore autonomo di Milano e che da anni si è creato un’identità personale e riconoscibile nel mondo dell’enogastronomia italiana ed europea.

Ha ideato e promosso la realizzazione delle guide Le Soste, InGruppo e TavoleDoc. L’idea è quella di promuovere e valorizzare la ristorazione di alta qualità, rivolgendosi ad un pubblico sempre più ampio, con particolare riguardo riservato ai giovani, prospettiva gastronomica del paese, nella speranza che una maggiore accessibilità all’esperienza di ristoranti di livello e di cucina raffinata diventi un proposito da riproporsi abitualmente in futuro.

a cura della redazione

Written by giovanni47

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *